📁
San Pietroburgo Portale su San Pietroburgo, con informazioni sui musei, appartamenti, guida per affari o turismoSan Pietroburgo
Da visitare > Musei

Museo - Parco Nazionale Oranienbaum

I Palazzi e parchi d’Oranienbaum costituiscono un unico complesso architettonico e storico-artistico d’inestimabile pregio. Oranienbaum e’ l’unico tra i sobborghi di San-Pietroburgo che non fu occupato durande la Grande guerra Patria, grazie a questo fatto l’insieme dei palazzi e parchi, che si formo’ nel corso del XVIII secolo, si e’ mantenuto inalterato.

L’inizio dei lavori di costruzione in Oranienbaum (dal 1948 - Lomonosov) e’ lagato al nome di Menshikov А. D., a cui appartenevano queste terre fin dal 1728. Successivamente i proprietari di Oranienbaum furono Pietro III, Caterina II, membri della famiglia imperiale, ed alla fine del XIX - inizio XX secoli – i conti Meclenburg-Strelizkij. Soltanto nel dopoguerra i palazzi e parchi di Oranienbaum divennero musei.

Il museo-parco nazionale Oranienbaum si compone di tre insiemi: l’insieme del Grande palazzo, quelli di Petershtadt e Villa privata.

Il Grande palazzo (1710-1727, arc. M. Fontana e G.I. Shedel) – risulta una delle poche costruzioni dell’epoca di Pietro, la quale malgrado parecchie ricostruzioni abbia cambiato poco il suo aspetto esteriore. Alla decorazione interna del palazzo contribuirono in varie epoche F. B. Rastrelli, A. Rinaldi, C. I. Rossi ed altri. All’insieme architettonico del Grande palazzo (di Menshikov) fa parte anche La Pinacoteca (primo terzo del ХVШ secolo). Nelle otto sale restaurate del Grande palazzo vengono ora organizzate mostre provvisorie. Nel Padiglione giapponese sono esposte le opere del pittore N.N. Kozhevnokov. Il Giardino inferiore adiacente al Grande palazzo rappresenta uno dei primi rei giardini regolari in Russia. Fu sistemato contemporaneamente al palazzo dagli stessi М. Fontana e G. I. Shedel, nonche’ dal giardiniere H. Graz. Nel 1977 il giardino riacquisto’ l’aspetto che ebbe nella meta’ del XVIII secolo (ad eccezione delle fontane e sculture).

L’insieme architettonico del Petershtadt si compone dalla Porta d’Onore (1757), la quale si e’ mantenuta dall’originale fortezza da gioco del futuro imperatore Pietro III, palazzo d’un piano appartenuto a Pietro III (1758—1760, arc. A. Rinaldi) e parco di Pietro. Alla decorazione delle principali sei sale del palazzo contribuiscono sfarzosi e decorati su pannelli laccati, sculture, pavimenti in legno ecc. Qui vi si espone la collezione di pittura dell’Europa occidentale dei secoli XVII - XVIII, nonche’ un’esposizione concernente la storia della costruzione dell’insieme di palazzi e parchi in Oranienbaum. Il palazzo e’ circondato dal Parco di Pietro, il quale conserva l’aspetto degli anni 1830, quando al posto del parco regolare di A. Rinaldi da G. Bush fu sistema il parco naturale paesagistico.

L’insieme architettonico della Villa privata e’ composto dal Palazzo cinese (1762— 1766, arc. A. Rinaldi, Padiglione della Montagna da discesa (1762-1774, arc. A. Rinaldi) e il circostante Parco superiore. Nel Palazzo cinese aperto alle visite, monumento unico in stile rococo, si possono ammirare gli interni eccezionali per la varieta’ della decorazione, tra i quali si distinguono la Sala delle Muse dipinta da S. Torelli e lo Studio delle Conterie. Nel palazzo si trovano le collezioni dei quadri dei pittori dell’Accademia veneziana, della porcellana russa e quella occidentale, dei mobili, dell’arte applicata decorativa occidentale. Nelle sale del Padiglione della Montagna da discesa (la Montagna a causa delle discese in carrozza non e’ arrivata ai giorni nostri) e’ esposta la collezione delle porcellane di Meisen, la quale raccolta era in voga nel XVIII secolo.

Il Parco superiore, prevalentemente paesaggistico, ha conservato in parte la pianificazione regolare iniziale, risulta quindi decorato da padiglioni e costruzioni da giardino: Cucina cinese, Sala da concerto, Pergola, sculture da giardino. Nella Cucina cinese sono esposte opere dell’arte applicata orientale appartenente ai fondi del museo.

La Sala da concerto “Salotto di pietra” (restaurata nel 1985) viene adoperata per mostre d’arte moderna, vari concerti e festival.

Orario di lavoro: periodo estivo (seconda meta’ di maggio — 1 ottobre) - 10.00—17.00; periodo invernale – e’ aperto soltanto il Palazzo di Pietro III e l’esposizione della Cucina cinese - 11.00—17.00.
Il Museo e’ chiuso: il martedi’
Telefono: 422-47-96, 422-37-57
Indirizzo: 189510, Lomonosov (Oranienbaum), Dvorzovij pr., 48
Trasporti: treno suburbano dalla Stazione Baltijskij fino alla stazione “Oranienbaum”.

Argomenti nella stessa categoria